Ti trovi in:  Guida al paese
GUIDA TURISTICA

Le origini del comune

Le origini del comune


Centro langarolo, che anticamente sorgeva su una rocca sulla destra del Belbo, da cui ha preso il nome, in seguito alle piene fu poi ricostruito in basso sulla destra del torrente.
Le notizie sul nostro paese, in questo tempo si deducono esclusivamente dai contratti dei feudi e delle servitù di passaggio tra i vari dominii.
Il Comune di Asti, ad esempio, comprò dalla Contea di Loreto il passaggio per Rocchetta, verso la strada delle Langhe.
Tale diritto venne confermato nel 1188dal marchese di Cortemilia.
Tra le curiosità storiche Rocchetta vanta nel 1244, inizio di novembre, il passaggio del Papa Innocenzo IV, che fuggiva in Francia per non cadere nelle mani di Federico II.
Per il resto a transitare per il paese furono soprattutto eserciti invasori al soldo dei potenti di turno:
gli Angiò, i Visconti, imperatori tedeschi, francesi o spagnoli, Marchesi del Monferrato e così via per finire con i Savoia.
Questa soluzione politica porta un certo vantaggio per la nostra popolazione, riducendo le tasse da pagare e concedendo ampia libertà circa il mercato del sale, del vino, del tabacco e dei bozzoli da seta.
Questa soluzione politica porta un certo vantaggio per la nostra popolazione, riducendo le tasse da pagare e concedendo ampia libertà circa il mercato del sale, del vino, del tabacco e dei bozzoli da seta.
Dopo la rivoluzione francese, nella campagna d'Italia, napoleone ha invaso le nostre terre, esigendo denaro, cariaggi e pene e abbandonando poi a Cossano e Santo Stefano centinaia di soldati ammalati da curare.
Con la caduta di Napoleone e il Congresso di Vienna (1814) ha termine la dominazione straniera in Piemonte e ritorna il re Vittorio Emanuele I, acclamato come "vera grazia di Dio".
Dai documenti del passato possiamo anche desumere informazioni interessanti sul tipo di occupazione che avevano gli abitanti di Rocchetta: tributi da pagare ai vari feudatari erano adempiuti in generi alimentari (chiamati anticamente da queste parti con il nome di "rose") fra cui avevano particolare importanza le castagne, il vino, i funghi e la selvaggina.
Questo potrebbe essere una spiegazione per l'elevato numero di cacciatori, pescatori e di cercatori di tartufi e funghi rimasti in attività nel paese.
Il paese è stato purtroppo danneggiato dalle alluvioni negli anni 1858, 1861, 1926, 1948, 1968 e 1994.
Vigneti di moscato, noccioleti, moderni frutteti sono oggi il segno di una vitalità imprenditoriale che continua ad avere il proprio fulcro nell'agricoltura.







Comune di Rocchetta Belbo, Piazza Libertà n. 4
12050 Rocchetta Belbo (CN) - Telefono: 0141/880114 Fax: 0141/880900
C.F. 00338460041 - P.Iva: 00338460041
E-mail: rocchetta.belbo@reteunitaria.piemonte.it   E-mail certificata: comune.rocchettabelbo.cn@cert.legalmail.it